Le tue ricerche

Ricerca personalizzata

sabato 11 settembre 2010

Tofu fatto in casa

Il Tofu è reperibile non soltanto nei negozi specializzati, ma anche nei supermercati, sotto forma di mattonella. Ma perché non provare a farlo in casa? Questa è la ricetta suggerita da Sabine Gstöttenmayer nel suo volume Più natura in casa (edizioni Il punto di Incontro).

Occorre munirsi di:
200 g di farina di soia,
un litro e mezzo di acqua
succo di 2 limoni medi (o 2 cucchiai di aceto).

Si versa la farina in una terrina, aggiungendo lentamente una parte dell’acqua, mentre si mescola con una frusta: si deve ottenere un composto semidenso, senza grumi. Portare a ebollizione una parte di acqua in una pentola, quindi aggiungere, sempre mescolando con la frusta, il composto e portare nuovamente a ebollizione. Quindi abbassare la fiamma al minimo e lasciare sobbollire per una decina di minuti.

A questo punto si spegne il fuoco e si aggiunge il limone: il composto si coagulerà immediatamente. Va lasciato raffreddare e quindi posto in uno scolapasta posizionato sopra una terrina, rivestito internamente di garza, che fuoriesca alle estremità.

Quando il composto è nello scolapasta, legare le estremità della garza e lasciar sgocciolare il tofu (per aiutarvi si può inserire un cucchiaio di legno nel nodo e appoggiarlo allo scolapasta in modo da tenere sollevato il fagotto). Il siero sgocciolato può essere usato per minestre o bevande, perché è ricco di minerali.

Il tofu è pronto all’uso: si può conservare per alcuni giorni in frigo, in acqua (da cambiare quotidianamente) se è riuscito ben compatto, oppure a secco. Il sapore non è molto deciso e quindi può essere arricchito con spezie, aromi o verdure.

http://www.sanihelp.it/

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...